2020: Guardando avanti verso una maggiore incertezza

Voglio condividere le mie opinioni su ciò che il nuovo anno potrebbe avere in serbo per le piccole aziende startup e gli imprenditori. Questo è il momento dell'anno per considerare le questioni macroeconomiche e la potenziale esposizione della vostra azienda. L'amministratore delegato di Salesforce.com, Marc Benioff, a novembre ha avvertito del timore del commercio globale e della recessione tra i CEO.

Nel luglio del 2014 ho scritto un post sul blog su questo sito, riportando le crescenti controversie e il dibattito all'interno della comunità di Internet sull'avvento di una Internet balcanizzata, caratterizzata dal cinese "Great Firewall". Bill Gates e Vin Cerf hanno sostenuto che Internet era troppo espansivo e pervasivo perché le restrizioni governative su Internet abbiano successo. Dall'altro lato, Eric Schmidt e John Chamber della Cisco si sono scagliati contro lo snooping dei metadati della NSA come fattore che contribuisce allo sviluppo dello "Splinternet", che danneggerebbe gravemente la leadership tecnologica americana.

Fonte: Visa, Mastercard, Altri riconsiderare il coinvolgimento nella rete Bilancia di Facebook - WSJ Dopo la reazione degli Stati Uniti e dell'Europa […]

Anni fa Google ha tranquillamente annunciato il suo "Loon Balloon Project" in Nuova Zelanda. L'obiettivo era quello di lanciare palloni ad alta quota che potrebbero galleggiare su aree del globo che non avevano ancora accesso a Internet. La stampa tecnica ha predetto che l'idea era "pazza", anche se alcuni l'hanno definita "pazzesca". Da allora Google si è anche cimentata con l'idea dei satelliti in orbita terrestre bassa per raggiungere lo stesso obiettivo. Con l'ascesa di SpaceX, questo sembra un approccio tecnologico ancora più interessante, anche se altre aziende negli 1990 hanno perso grandi quantità di denaro e fallito. Una modesta compagnia aerospaziale e una consociata di Airbus a Tolosa, in Francia, stanno producendo satelliti per l'accesso a Internet in orbita bassa, sperando di lanciare tanti satelliti 650. L'idea che mi affascina è il potenziale per l'accesso a Internet nello spazio per potenzialmente fornire un'alternativa al crescente controllo politico e aziendale e alla balcanizzazione di Internet.

Cinque anni fa, ho scritto un post su questo blog denigrando lo stato dell'Internet of Things / mercato dell'automazione domestica come una “Torre di Babble proprietari”. I venditori di diverse offerte di prodotti domestici e industriali parlavano letteralmente lingue diverse, rendendo i loro prodotti non utilizzabile con altri prodotti complementari di altri fornitori. Il mercato era vincolato dalla sua immaturità e dall'incapacità di comprendere l'importanza degli standard aperti. Un rapporto di 2017 Verizon ha concluso che "un'assenza di standard a livello di settore ... rappresentava una percentuale superiore a 50% delle preoccupazioni dei dirigenti sull'IoT. Oggi posso riferire che finalmente, le soluzioni e le tecnologie stanno iniziando a riunirsi, anche se ancora lentamente.

NOTA: il mio post originale, originariamente pubblicato in gennaio 2013, continua ad essere uno dei più visti sul sito. Android e Apple hanno goduto di una quota di mercato stimata dell'98% tra i due, e molte delle mie precedenti proiezioni su questo mercato sembrano essere state confermate. Tuttavia, il mercato degli smartphone è ormai maturato al punto da trovarsi in un punto di flesso strategico che ha importanti implicazioni per il futuro di questo mercato e dei principali concorrenti. La rapida maturazione del mercato degli smartphone avrebbe dovuto essere prevista: l'ascesa della concorrenza cinese interna unita alla prevedibile fine del fascino dei consumatori occidentali con "il prossimo smartphone"

Sono stato molto interessato ieri a leggere l'articolo su Globe & Mail del professor Richard Florida dell'Università di Toronto, e Ian Hathaway, direttore della ricerca per il Center for American Entrepreneurship e Senior Fellow presso il Brookings Institute. L'articolo di Florida e Hathaway trae le stesse conclusioni della mia ricerca, fornendo dati ancora più precisi a supporto delle loro conclusioni inquietanti. Non è difficile trovare molti altri articoli su questi temi. Ironia della sorte, anche ieri, una connessione LinkedIn ha condiviso un post di Sciences, Innovation e Economic Development Canada con una valutazione molto ottimistica e positiva del capitale di rischio per le startup in Canada. Questa è l'essenza del problema. Da quando sono venuto in Canada anni fa, ho visto uno stato di negazione pollyanna della vera situazione dell'imprenditorialità, della politica di immigrazione e della mancanza di capitali di rischio "intelligenti" per le startup canadesi. Nessuna quantità di contro-prove ha cambiato questa visione rosea errata. Senza un riconoscimento di questi problemi, nulla cambierà.

Un'altra resa dei conti della Silicon Valley è all'orizzonte. Abbiamo già visto eventi ciclici come questo prima, la bolla 2001 scoppiata come la resa dei conti più recente memorabile. Il discorso in 2001 riguardava troppi "soldi stupidi". La resa dei conti, tuttavia, è su una scala massiccia e senza precedenti, alimentata dallo stesso eccesso di capitale globale che ha alimentato le bolle nei mercati immobiliari in luoghi attraenti in tutto il mondo. I problemi con Uber, Travis Kalanick e l'ormai evidente difficoltà del Consiglio di amministrazione di Uber di esercitare una governance significativa avrebbero dovuto essere il "canarino nella miniera di carbone". I rapporti della CNBC sulle eccessive valutazioni "unicorno" della Silicon Valley e i resoconti dei media che New Enterprise Associates spenderebbe $ 1 miliardi in investimenti in startup che non possono essere resi liquidi rendendo la situazione palesemente ovvia. Dopo un lungo silenzio, il Wall Street Journal si è finalmente unito alle notizie sulla crisi. Cos'altro bisogna prendere per uscire?

Alla fine dell'anno scorso ho scritto su questo blog la mia frustrazione per la mancanza di grandi idee alla guida […]

Tra un'altra fuga di documenti che rivelano l'elusione fiscale internazionale su larga scala, il segretario generale dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha dichiarato lunedì che l'elusione fiscale sta rapidamente diventando un ricordo del passato. "Quando parliamo di" Panama Papers "o" Paradise Papers ", stiamo parlando di un'eredità che sta rapidamente scomparendo", ha affermato Angel Gurria. Parlando alla conferenza della Confederation of British Industry (CBI) a Londra, Gurria ha affermato che i governi stanno lavorando duramente per fermare l'evasione e l'evasione fiscale.